La Fiera

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione nel modo in cui il lavoro è organizzato. La pandemia e il “remote working” hanno dato l’accelerazione definitiva ad un processo già in corso da anni con l’introduzione di modalità più flessibili di intendere spazi e tempi dedicati al lavoro.

Oggi parliamo di lavoro agile, di modalità di collaborazione ibride, di commistione sempre più spinta tra fisico e digitale, come un fenomeno da comprendere e a cui le aziende devono cercare di adattarsi più rapidamente possibile, ben sapendo che domani questa sarà la nostra normalità. 

Questo è quanto emerge anche da uno studio condotto da IDC con CISCO*  in cui “45% dei dirigenti aziendali e tecnologici afferma che i modelli di lavoro a distanza e ibrido faranno parte integrante delle procedure di lavoro condivise d'ora in avanti.”

Le organizzazioni, da quelle più piccole alle grandi corporation, dopo lo shock della pandemia stanno adattando la cultura e i processi aziendali in modo da recepire in modo stabile questi cambiamenti che gettano le basi per un futuro del lavoro, molto diverso da quello che abbiamo conosciuto solo un decennio fa.
Uno degli aspetti cruciali di questo cambiamento epocale nel mondo del lavoro è rappresentato da una nuova concezione di spazio, di ufficio. Non parliamo più di quel luogo dove trascorrere 8 ore ognuno alla sua scrivania, un giorno dopo l’altro, settimana dopo settimana, ineluttabilmente.
I dipendenti hanno aspettative e idee chiare su ciò che vogliono dalla vita professionale e la flessibilità e il benessere sono diventati non negoziabili (Microsoft: Lavoro ibrido- Una guida per i Leader aziendali)

Quindi il luogo dove lavoriamo deve riflettere il cambiamento che stiamo vivendo e dovrà subire una profonda trasformazione.
Parole d’ordine: flessibilità e collaborazione.
Chi deciderà di lavorare in un ufficio avrà esigenze nuove, primo fra tutti entrare in contatto con colleghi, partner, soggetti che magari non sono fisicamente presenti. “Con l'ascesa di forme di lavoro flessibili, il 38% dei dipendenti ibridi afferma che la difficoltà principale è decidere quando e perché andare in ufficio.” (Microsoft: Lavoro ibrido- Una guida per i Leader aziendali)

L’ufficio sarà un luogo essenziale per la socialità e per lo scambio diretto e indiretto grazie a spazi flessibili, “collaborativi” e connessi.
Il lavoro ibrido è un modello di lavoro strategico e integrato che è in grado di combinare un’attenzione per il benessere dei dipendenti e un alto livello di produttività aziendale.

La chiave del successo di questo modello è nella tecnologia e nella progettazione o riprogettazione degli spazi in modo da riflettere un cambiamento culturale e le nuove necessità dei dipendenti. 
Grazie a soluzioni di Collaboration e Unified Communication, sistemi audio video multimediali e interattivi progettati per il lavoro ibrido è possibile collegare il mondo digitale e quello fisico, garantendo a ogni dipendente la possibilità di interagire e contribuire, indipendentemente da dove, quando e come sta lavorando.

Il ruolo dell’ufficio, quindi, va ripensato come luogo di completamento della employee experience” dove i dipendenti possano sentirsi coinvolti, connessi, in grado di esprimere il loro potenziale e svolgere al meglio il loro lavoro.
Quali sono gli attori di questo processo di trasformazione?

La visione disegnata a livello aziendale dai manager viene poi “messa a terra” con l’aiuto degli IT manager e realizzata grazie all’intervento di alcune figure chiave:

  • Architetti che progettano o ripensano gli spazi dando loro nuova veste e nuove funzioni;
  • Progettisti audio video che disegnano le migliori soluzioni multimediali che si adattino agli spazi;
  • Fornitori di tecnologie per la collaborazione, digital signage, sistemi audiovideo multimediali;
  • System integrator per integrare e far dialogare impianti e tecnologie diversi.


Il viaggio verso spazi di lavoro smart per il lavoro ibrido, inclusivi e collaborativi per il benessere delle persone, è iniziato!
 

Ti interessa questo argomento? Ne parleremo a MIR, dal 2 al 4 aprile 2023, nel frattempo scopri la nuova sezione dedicata alle SOLUZIONI PER WORKSPACE